sabato 21 marzo 2009

I Media Controllati da Pochi




La Qualità e Libertà dell'informazione Italiana è in Coma farmacologico... Siamo uno degli ultimi stati al mondo come libertà di informazione...

La democrazia nasce dall'avere le basi per poter scegliere.
Finche i media sono controllati da pochi, non ci potrà mai essere vera democrazia e libertà...



Ogni proposta politica del governo è sempre verso una direzione, ce ne sono nuove ogni giorno...
Si Tenta ogni proposta possibile, ovviamente con l'aiuto dei media, per censurare, moderare, annullare, limitare qualsiasi tipo di confronto, contraddittorio....
Ogni dissenso è livellato, per questo motivo o quest'altro... spesso si prendono motivi attuali ma l'obiettivo non è migliorare la qualità della vita dell'Italia, l'obiettivo è uno solo: acquisire potere economico/politico.




Manifestazioni no, contrattazioni no, contraddittori no, sindacati no, scioperi no, diffusione informazioni fastidiose no....

Guardiamo al presente: cosa si può fare. Dividersi in buoni o cattivi, pro o contro Berlusconi, sinistra destra... non cambia di una virgola, ci scanniamo solo fra di noi, perchè tutti siamo dalla stessa parte, anche se sosteniamo una ideologia o l'altra.
Secondo me non si risolve il problema cambiando politico per l'ennesima volta (possiamo, accomodare, scegliere il meno peggio ma non risolveremo mai definitivamente), perche anche i politici dipendono dalla struttura economica mondiale e quella non la cambiamo...
Si cambia solo prendendo completa coscienza di tutta la struttura senza mai tirarci fuori e metterci dalla parte e i buoni...
Per prendere coscienza bisogna conoscere, e dato che i media non aiutano, proviamo con la rete, diffondiamo, facciamo girare informiamoci, capiamo, riflettiamo con le nostre teste...



Non ha senso ne utilità passare il tempo a discutere su ideologie o persone, affrontiamo solo i problemi e prendiamo tutto ciò che ci serve per risolverli, anche se viene da destra o sinistra, se lo dice grillo o quello che vende le olive sotto casa... il problema è la cosa piu importante non le nostre ideologie o preferenze a cui siamo attaccati.
Finchè la sinistra non sarà unita alla destra per risolvere questi problemi reali non potremmo mai superare un consenso acquisito coi media...



Il Vertice della piramide non è di Destra, tantomeno di sinistra, il vertice è solamente potere (che è insito nell'uomo)... finchè non saremmo uniti e non capiremo che parteggiare per una persona o contrastarne un'altra, sostenere una ideologia a sfavore di un altra... non stiamo facendo altro che fare il gioco di chi è in cima alla piramide... e dimenticare il problema reale... migliaia di persone stanno soffrendo e noi litighiamo per i colori di una bandiera... come si litiga per il GF o per amici...




Siamo di fronte ad un problema completamente nuovo e non può essere affrontato con gli strumenti passati... Fare una rivoluzione intesa in senso di sostituzione della persona, del gruppo che in qualche maniera governerà non serve e non porta a nulla... non ci sono più nemici da combattere, non ci sono più buoni o cattivi, se ancora pensiamo di trovare il cattivo come causa del problema e attaccarlo, non facciamo altro che consolidare il sistema che contribuisce al problema..

Il problema centrale è la ricerca spasmodica e senza limiti del potere politico/economico che è una espressione di una necessità insita in tutti... nel piccolo e nel grande contribuiamo tutti... Questo modo frenetico di vivere,alla lunga, ha trascinato nella sua struttura mondiale ogni parte della società che ora si basa sull'economia... non ci sono nemici, ogni salvatore che possiamo innalzare sulla poltrona del potere sarà sempre inserito in questa piramide, con i solidi debiti, con le solite banche centrali, dove l'economia è la vera struttura di base e non il personaggio politico che va di volta in volta al potere... chi va a governare è sempre un appendice della struttura economica mondiale...e questa struttura stiamo contribuendo tutti da molti anni a consolidarla...

Noi cerchiamo il senso della vita del piacere, nel desiderio materiale, nella sicurezza economica, e questo porta i soldi a piramide e le grosse divisioni nel mondo... Quando il potere è grande, i media contribuiscono a stabilizzare e velocizzare il processo dove chi è piu furbo, scaltro, opportunista ha un posto alto nella piramide e guadagna soldi... Tutto ciò non considera minimamente la sofferenza degli altri, nessuna umanità...




Non c'è nemico, il nemico alla base siamo noi... è la somma di tutti i nostri piccoli desideri... l'unica cosa che possiamo fare è lenta, ma determinante, cambiare noi stessi, il nostro sentire, i nostri desideri, non contribuiamo all'avere per NOI! potere, desiderio materiale... e la piramide non avrà piu base ne consenso... il potere economico non esisterà piu nel momento che non c'è chi acquista e chi lavora per comprarsi di tutto, anche a rate, magari anche cose non utili per una vita serena e dignitosa, magari cose che sono 3 volte oltre le possibilità dei nostri stipendi...

Ad un certo punto questa frenesia si consolida diventa espressione di tutti acquisisce potere e aumenta la sua velocità di aumentare... Ad un certo punto, guerre, moltissimi poveri e pochissimi ricchi a dismisura, conta sempre di piu il denaro e l'economia sempre di meno la qualità della vita... ogni cosa è progettata e strutturata per aumentare questa velocità, tutto è pensato per come fare soldi, come ottenere benessere materiale, come soddisfare i propri desideri, le produzioni diventano sempre piu grandi, i mass media fanno in maniera di impostare livelli di acquisto altissimi, il tutto senza porre primaria importanza a come si utilizzano le risorse della terra o a le persone che soffrono... Quel punto lo stiamo toccando... la vita diventa sempre meno vivibile.. alcune banche (grandi) crollano e il sistema inizia a fare sentire le sue crepe...

La risposta viene naturale solo nel momento il cui la tua vita viene messa in una scatola e inizi a sentirne i limiti, quando inizi a sentire sulla pelle la mancanza di libertà, quando i poveri diventeranno molti, e vedrai i media che ripeteranno sempre le stesse bugie per fare continuare a crescere la velocità del sistema... Poi avrai i poveri intorno e i media diranno di consumare ancora, di non scioperare non manifestare, che va tutto bene ... e tu penserai che i poveri stanno solo intorno a te e tutti gli altri stanno bene... Ad un certo punto anche noi saremo poveri... poveri che sentono necessità di fame e sete, cure sanitarie ecc...
Quando ci toccheranno quello, il mangiare e i figli allora inizieremo sicuramente ad agire...io Direi che è meglio non arrivare a quel punto, e fare qualcosa prima... ed evitare ora di battibbeccare su quale partito è piu bello o quale persona è piu farabutta...

I piu intelligenti cauti e acuti agiranno prima degli altri... ma alla fine nel momento che il tuo bambino muore di fame agisci ti assicuro..




La causa del problema non può essere chi non ha scelta, il povero mangia quello che ha, e per noi la scelta su sta riducendo sempre di piu, è fisicologico che spuntano negozi a basso costo, aumenta il nero ecc..per cambiare le cose seve il consenso, per avere il consenso la gente deve essere informata.

Il nocciolo è sempre quello, non c'è democrazia senza libertà e qualita di informazione... se i media sono in mano a pochi non è democrazia... i media non possono essere in mano a pochi... i quotidiani non possono ricevere finanziamenti pubblici e diventare dipendenti dei politici...




Quello che dico di fare io è:

1.Cambiare noi stessi, capire che la ricerca del potere in NOI stessi è la benzina per tutto il sistema. è lo stesso fuoco che fa andare avanti chi sta in alto, lo stesso insito nell'uomo... se ne vediamo il pericolo noi togliamo la benzina e facciamo una vita Umana nel rispetto di tutti, o per lo meno INIZIAMO A LIMITARE LA BENZINA....

2. (Per l'Italia specialmente che ha una libertà di informazione bassissima) diffondere ogni video post ecc in rete per informare e fare conoscere come stanno le cose, ogni cambiamento nasce prima dal conoscere.

Il capitalismo allo stato pure non ha ulteriori antagonisti... potrà oscillare certo, ci potranno anche essere rivoluzioni ecc ma alla fine si torna al desiderio alla brama e sete di potere...
Il capitalismo si supera solo in un modo e non è con l'antagonismo.. è comprendendo appieno tutto il sistema e capendo che l'origine del capitalismo è in noi (anche nei comunisti o negli anarchici), una volta avuta questa comprensione.. ogni azione fatta dal singolo toglie benzina al capitalismo (che andrà avanti)... ma le basi saranno sempre piu deboli...senza antagonisti.. perche di fatto non esistono...come il desiderio per l'uomo non può essere annullato da un altro desiderio (ma solo sostituito)...



Come riconoscere una informazione vera?
Facciamoci sempre domande e quello male non fa mai... io ad esempio ho molti esempi pratici di fatti in prima persona dove le informazioni erano manipolate o censurate.. leggo su una rivista un articolo e la settimana dopo in ultima pagina trovo una precisazione della persona intervistata che dice "il titolo dell'articolo dove mi intervistavano non mi rappresenta anzi il mio pensiero è opposto"... ecc...
Una cosa da fare sempre per verificare le informazioni è

1 prenderne da molte fonti...se vedo che uno scrive dalla francia e uno dall'italia e sono 2 persone che non si conoscono affatto e poi uno dall'australia, uno banchiere uno tassista uno studente e dicono la stessa cosa che gli è capitata ... mi salta la pulce nel'orecchio allora potrebbe essere vera...



2. valutare sempre gli interessi di chi distribuisce le informazioni... se una persona ha un interesse dietro per me già è esclusa, non fa statistica per la ricerca della verità scientifica...

Facciamo del nostro meglio..scambiamoci info fra di noi, postiamo espandiamo... cosi ci saranno molti punti di vista e non uno solo...
A ogni modo... L'Informazione Vera dettagliata è sempre difficile da definire, lo è anche se sei presente vedi e tocchi, se vuoi andare nel micro dettaglio... Ma il falso... il falso si può notare, i bugiardi si vedono subito ;) io ti posso dire per certo che Berlusconi (per fare un esempio a casso, senza valenza ideologica) è un bugiardo...

Attaccando qualcuno o qualcosa, una persona o una ideologia non produrrà mai un reale cambiamento definitivo, Berlusconi è lo specchio dei nostri tempi, come lo è la sinistra e tutta la struttura economica... come lo siamo noi e i nostri figli, come lo sono le banche centrali... siamo noi che abbiamo cercato sicurezza nella spasmodica ricerca di piacere e desiderio, una produzione e consumo ad ogni costo, senza un limite, una volta che si accetta questa struttura anche minimamente... alla lunga si crea quello che vediamo... guerre, divisioni, povertà schiavitù.
Prendiamone atto senza cercare capri espiatori, non c'è un colpevole, noi lo siamo...


Non lasciamoci travolgere nei simboli, non attacchiamoci a persone da attaccare o santificare, ideologie da imporre o disprezzare... affrontiamo i fatti non le parole...





Nel momento che noi tutti vivremo diversamente non saremo piu dipendenti da nessun autorità ne politica ne economica... i mass media sono controllati da pochi quindi quello che possiamo fare è diffondere informazioni in rete, copiarle postarle iniziare a fare pensare, capire... poi ognuno valuterà e pian piano si stimola una coscienza collettiva... è un processo lento ma è l'unico...