venerdì 10 luglio 2009

Ecco Cosa Vedo e il Futuro della Rete

10 SUGGERIMENTI PER SFRUTTARE AL MASSIMO IL POTERE DELLA RETE

mondo1

Abbiamo già visto le tecniche per controllare le masse nei paesi moderni in cui i cittadini scelgono liberamente tramite il voto. La forza penetrante di queste dinamiche sta nel fatto che l’individuo non si sente manipolato, e mantiene sempre l’illusione di scegliere. Quando il regime democratico è abbastanza penetrato nel sistema, qualsiasi scelta facciamo non potrà liberarci. Nessuna soluzione, ideologia o movimento ci potrà salvare se prima non abbiamo risolto i punti cardine per cui ci controllano.

  

LA REAZIONE DI MASSA NON DETERMINA UNA SCELTA

I cittadini vengono gestiti regolando i flussi di potere a livello sociale: si controlla l’accesso e la selezione delle informazioni, la serenità nel dissentire, le leggi elettorali ed economiche. Si premia la coalizione compatta e si tengono il più possibile i cittadini divisi e coinvolti in molte piccole ideologie. Si diminuisce il tempo, le energie, gli interessi, le fonti, la cultura, i modi di interagire, che servono per partecipare al paese. Si tiene il livello di paura della massa sempre sopra un certo livello, in maniera che ci sia sempre una reazione emotiva di richiesta ad un’azione forte che venga dall’alto. Il potere di reprimere e controllare si rafforza. Abbiamo la scelta di reagire, nei modi emotivi del branco, agli stimoli che ci vengono proposti dai media, ma sempre meno peso nel proporre. Quando le proposte della maggioranza dei cittadini, verso le soluzioni alle necessità che sentono più urgenti avranno un peso minore di quelle diffuse da pochi con i media, di fatto, non si vivrà più in uno stato democratico. Tutto questo accade mentre noi manteniamo la libertà di scelta.

Bisogna capire che per liberarsi dal controllo, nessuna soluzione ci salverà se prima non abbiamo rivoluzionato i nostri metodi di lavoro. C’è urgenza di alcuni metodi di lavoro condivisibili da tutte le ideologie che finalmente riducano la distanza fra le esigenze dei singoli cittadini e i provvedimenti imposti dall’alto.

  

I 10 COMANDAMENTI (LIBERI E LAICI)

41b

per liberare energia dalla rete e sfruttarla al massimo:

  

1. Ogni individuo partecipa direttamente alla realizzazione della soluzione ai problemi che sente di più. Ognuno contribuirà a seconda dei modi, dei tempi, e delle competenze individuali. Si deve sviluppare una nuova forza dal basso che propone nuove soluzioni, non è più sufficiente reagire alle proposte che vengono dall’alto. Nei sistemi controllati, La scelta nelle modalità imposte, non determina un cambiamento.

 

2. Ogni singolo individuo partecipa direttamente alla scelta della soluzione ai problemi che sente di più, a partire dalle questioni universali dell’uomo, fino alle soluzioni più dettagliate. Il processo di delegare le scelte a qualcun altro deve essere limitato il più possibile.

 

3. Sviluppare una rete che è predisposta ad agire “a soluzioni” e non più “a partiti” “a coalizioni compatte” o “a ideologie”. La necessità sentita da tutti deve essere il motore che spinge alla realizzazione. Si promuove la cooperazione di tutti gli altri esseri che sono spinti dagli stessi problemi. Le differenze di ideologia, credenza, fede religiosa o politica su altri argomenti non giustificheranno un freno alla soluzione della necessità sentita da tutti. Quindi tutte le piattaforme da sviluppare in rete, sia per fare scegliere i cittadini sia per organizzarsi sulle realizzazioni, non conterranno nessun accenno ad ideologie, ideali, o gruppi specifici.

 

4. Ogni singolo individuo deve promuovere, nelle sue possibilità, ogni forma di scambio diretto di informazioni fra tutti gli esseri umani del pianeta. Il contatto gratuito in rete, senza filtri, da ogni individuo e verso ogni altro individuo è un diritto sociale e inalienabile dell’uomo. Va favorito e promosso in ogni forma possibile.

 

5. Ogni singolo si impegna a fare informazione. Si impegna a diffondere, secondo le sue possibilità e competenze, le informazioni in suo possesso, le sue conoscenze, le sue esperienze, le sue opinioni. Mettendo particolare attenzione a tutte le informazioni che i media ufficiali hanno meno interesse a diffondere. Si deve sempre tutelare la serenità del dissenso e incoraggiare le persone a farsi delle opinioni personali sulle questioni importanti.

 

6. Ogni singolo si impegna a promuovere il monitoraggio costante e trasparente di qualsiasi gruppo o persona che abbia un qualche tipo di potere. Qualsiasi persona che svolga un’attività di responsabilità deve essere monitorata da tutta la rete che lo può controllare.

 

7. Ogni singolo si impegna ad informarsi, da più fonti possibili, sulle tecniche con cui si possono controllare le masse nei sistemi democratici, e su come non farsi controllare. E si impegna ad insegnarle e diffonderle il più possibile, soprattutto ai responsabili di gruppi attivi sul territorio. Deve promuovere ogni aspetto della vita che impedisce di farsi controllare dai media e spingere perché facciano parte dell’educazione di base di ogni bambino: La riflessione individuale, la sensibilità, l’altruismo, l’ascolto, la cooperazione, l’intelligenza fuori dal coro, la ragione, la cultura, l’arte, l’istruzione, e le libertà di esprimersi in tutte le maniere, dalle manifestazioni al dichiarare apertamente i propri pensieri anche diversi da quelli delle autorità. Al contrario bisogna limitare gli aspetti che favoriscono il controllo: L’istinto, l’invidia, l’aggressività, la furbizia, l’orgoglio, la determinazione, la competizione, seguire le autorità e aspettarsi punizioni o controlli, i metodi del branco, della piazza e del linciaggio pubblico.

 

8. Dal momento che sarà la maggioranza delle persone a scegliere e a realizzare, non sarà più necessario fidarci di un partito o di un capo che lo faccia per noi. Non si ragionerà in termini di iniziative favorevoli o contrarie a qualche ideologia o persona. Saranno invece incentivate e diffuse tutte le proposte e suggerimenti a favore di soluzioni pratiche ed azioni effettive verso i problemi comuni. Tutti possono contribuire alle soluzioni, e verrà discussa e valutata la soluzione e non la persona, nè l’ideologia nè la bandiera che fatto la proposta. Non va cercato il “politico santo” libero dall’individualismo, né va condannato il “politico egoista”. Nessuno di questi coinvolgimenti individuali dovrà essere un freno verso la creazione di un sistema che realizzi le soluzioni. La necessità comune va messa in pratica indipendentemente dalle persone buone o cattive che vi partecipano, o dai nostri coinvolgimenti verso le ideologie. Se ci serve costruire una casa, e una cattiva persona ci porta un mattone, noi lo incoraggiamo e non ci facciamo fermare da questo. Guardiamo il problema da risolvere, e non le preferenze che ci possono dividere.

 

9. Una volta che sono controllati i punti cardine per accentrare tutti i poteri sul leader e limitare i dissensi (Televisione, Forze dell’ordine, Manifestazioni, Scioperi, Giornalisti, Magistrati, Scuola, Leggi elettorali ecc......), di fatto, non si è più in democrazia. Sotto queste condizioni, la possibilità di votare non determina una condizione di scelta reale. Quindi se sentiamo ingiustizie o mancanze di libertà, non siamo noi l’anomalia, non siamo noi gli strani in mezzo ad un popolo di normali. Quando sentiamo dire che tutte le azioni del leader sono giustificate perché siamo in democrazia, questo non deve mai limitare la nostra ribellione pubblica. Non deve mai scoraggiarci a cercare un sistema migliore.

 

10. Ognuno dei punti deve essere portato avanti a livello mondiale. Il primo passo è trovare persone che intuiscano le potenzialità e le implicazioni di questi comandamenti, in maniera che possano, con motivazione propria, mettersi in contatto e portarli avanti in rete. Le diverse leggi dei paesi non costituiscono una legge etica maggiore del diritto umano di essere liberi. Il denaro ha la possibilità di viaggiare fra le nazioni e il suo potere ha valore ovunque. Quindi una vera soluzione non ci sarà mai finché si agisce solo nei limiti di una nazione.

 

GRUPPO FACEBOOK RETE VIVA – UN BOLLINO CHE LIBERA ENERGIA

GRUPPO FACEBOOK SUL CONTROLLO DELLE MASSE NEI SISTEMI DEMOCRATICI

 

L'articolo ti è piaciuto? dagli visibilità Cliccando su OK!!
.