venerdì 3 luglio 2009

Le Ronde di Partito

aumenta il potere di forza dei partiti sui cittadini

Da oggi, 2 luglio 2009, il ddl sicurezza è legge dello Stato: Potranno collaborare con le forze dell'ordine le associazioni di cittadini organizzate in ronde.

“Solamente le azioni coerenti all'ideologia sono buone. Tutte le 'impurità' sono viste come originate dall'"esterno" (il mondo). Quindi, uno dei modi migliori per sollevarsi dal peso della colpa è di denunciarle con grande ostilità. Alla fine questo porta all'epurazione degli eretici, all'odio di massa e alle guerre sante. Il gruppo punterà il dito contro gli errori di tutti gli altri impianti di credenze, mentre pubblicizzerà la sua propria purezza.”  - Jan Groenveld sul Controllo Mentale

E COSÌ, a forza di indifferenza verso le trasformazioni indotte nella "costituzione materiale" del tempo, eccoci piombati in piena era di vigilantismo. L' istituzionalizzazione delle cosiddette "ronde" - mai come questa volta il nome indica la sostanza delle cose, al di là del tentativo della destra di matrice aennina e dello stesso Berlusconi di riconvertirlo nel più burocratese e fintamente rassicurante "sicurezza partecipata" - segna una svolta pericolosa. Perché, nonostante i correttivi introdotti nel decreto, mina lo storico primato dello Stato in materia di sicurezza, "privatizzandolo" a favore di gruppi che possono diventare una sorta di milizia personale o di partito: come dimostra la corsa in queste ore, in un Nordest sempre più Far East, dei partiti a mettere le mani sulle ronde. Altro che ex-poliziotti o ex-alpini, come ammette senza falsi pudori un Carroccio che si fida solo dei "suoi". Si tratta di pure milizie di partito: "verdi", azzurre, nere. A ciascuno la sua. Un mix di collateralismo di partito utile alla mobilità sociale e di protagonismo locale a varie tinte. Con il rischio che nella nuova società della sorveglianza itinerante, le "telecamere umane" mettano nel loro occhiuto campo visivo non solo i rischi per la sicurezza, politicamente selezionati, ma anche i comportamenti non ritenuti ortodossi. E, perché no?, anche personea qualsiasi titolo, sessuale, religioso, politico, sgradite ai vigilantes in pettorina. Una deriva gravida di rischi.

Dovremmo sentirci tutti più sicuri e tranquilli: eppure, più si diffonde e più si concretizza questa idea delle ronde e più si avverte nell’aria una sinistra inquietudine. C’è in giro un sacco di gente che sta prendendo la faccenda tremendamente sul serio. Si arruolano, si mettono la divisa, non vedono l’ora di scendere in strada a rimettere un po’ di cose a posto. Delle ronde padane tutti sappiamo già quasi tutto. Ora, con tanto di presentazione ufficiale, un secondo esercito del bene annuncia all’Italia d’essere pronto all’azione: non appena il disegno di legge sulla sicurezza entrerà in vigore, potremo contare pure sui volontari della Guardia Nazionale Italiana, subito noti nell’ambiente come ronde nere.

camicie_nere

Non è nemmeno il caso di dirlo: anche questi si presentano con l’aureola. Dicono che pattuglieranno le zone più a rischio delle nostre città armati solo di torcia e telefonini, che la loro funzione sarà di pura segnalazione alle forze dell’ordine. «Siamo una Onlus inquadrata come Protezione civile - spiega Giuseppe Giganti, coordinatore nazionale -: tutti possono accedere, anche chi è di sinistra, perché la politica non c’entra». Risulta ci sia la coda per l’arruolamento. Le guardie effettive sono già 2.100 in tutta Italia. A istruirle e a comandarle sarà invece un colonnello dei carabinieri in riserva: Augusto Calzetta, 67 anni, carriera fra Genova e la Versilia, noto per l’arresto di Ovidio Bompressi e per le indagini sul sequestro dell’Achille Lauro. Un anno fa è stato arrestato dagli ex colleghi perché sospettato di essere coinvolto in una storia di lucro sulle cremazioni, ma l’interessato precisa indignato che «sono solo frottole». Ai suoi ordini, il trenta per cento dei volontari risulta composto da ex agenti o ex militari ora in pensione (domanda: ma mettersi tranquilli a pescare tinche o alla bocciofila, proprio non se ne parla?).

Nonostante l’atmosfera disneyana degli annunci, la Guardia Nazionale è una dichiarata ed evidentissima emanazione di una formazione politica.

 Herrington2005-1

Una volta che deleghiamo al leader sempre più potere di controllare e reprimere con la forza, non abbiamo più la facoltà di diversificare la delinquenza, dal dissenso verso il regime – Marco Canestrari

Ma come si fa ad ottenere che la massa stessa accetti di venire controllata con la forza? E’ Spiegato tutto qui:

L’UTILIZZO DELLA FORZA PER CONTROLLARE I SISTEMI DEMOCRATICI

 

Fonti: Il Giornale, La Repubblica

L'articolo ti è piaciuto? dagli visibilità Cliccando su OK!!
.