martedì 18 giugno 2013

Cosa Significa che Vogliamo Proteggere il Futuro?

DI MARCO CANESTRARI


Ogni giorno soffriamo, fatichiamo e lavoriamo per proteggere noi stessi nel futuro. Cerchiamo di preservarci da pericoli che ci potrebbero colpire tra un minuto, domani o tra un anno. Ma se tutto ciò che conosciamo avviene nel presente, può esserci una reale minaccia nel futuro?

La sofferenza e la paura che proviamo sono nel presente, su questo non ci dovrebbero essere dubbi. Conosciamo invece qualcosa che avviene nel futuro? Qualcosa che in questo momento si sta muovendo nel futuro e ci può minacciare? Noi possiamo pensare al futuro come al passato, immaginarlo, sognarlo. Ma tutte le emozioni le proviamo nel presente: paura, ansia, aspettativa, rancore. Nulla di ciò che viviamo accade in questo fantomatico "futuro", di cui, se guardiamo bene, non abbiamo alcuna traccia.

Ma allora nel momento in cui guardiamo attentamente le nostre sensazioni nel presente, cos'altro rimane da proteggere? Ci sono i nostri pensieri sul futuro, i nostri traumi del passato e nient'altro. Non c'è nessuno che soffre, nessuno che ha paura e nessuno in pericolo. Non è un gioco di parole, non è una teoria astratta, ma la pura e semplice realtà. Prima ce ne accorgeremo e prima troveremo la serenità tanto ambita.

TESTO DI FAUNO LAMI

Per rimanere sempre informato sulle Lezioni di Marco Canestrari iscriviti al nostro
L'articolo ti è piaciuto? dagli visibilità Cliccando su OK!!