domenica 22 settembre 2013

Marco Canestrari: A Quale Maestro o Scuola ti Rifai?

DI MARCO CANESTRARI


Ci servono davvero i maestri che scegliamo come guide per la nostra vita?

Quando parliamo di un maestro esteriore, ideale come la politica, la scuola, la religione, o anche guru spirituali o idoli, è facile esprimere la nostra volontà di esserne indipendenti e vivere liberi. Ma quando parliamo dei maestri interiori? La nostra esperienza, la nostra conoscenza, la nostra capacità, la nostra intelligenza, le nostre creazioni, il nostro Io, siamo capaci di metterli in discussione con la stessa serenità con cui rifiutiamo i maestri esterni? Quando ci dicono stupido, incapace, non ci sentiamo forse feriti? Quando qualcuno non ci saluta, quando pensiamo alla morte, quando abbiamo paura. Quando questo accade, non è forse perché qualcuno sta tradendo questi maestri interiori (esperienza, conosciuto,etc). 

Di certo non ha senso dire "allora non seguirò più nessun maestro" perché sarebbe avere sempre e comunque un ordine, un tiranno, un idea a cui legarci; meglio invece chiederci, mentre li stiamo seguendo, mentre ne siamo influenzati: ci servono veramente? Fino a che diamo valore all'esperienza e a tutta la struttura del conosciuto la risposta alla domanda sarà sempre si. Quando scopriremo che invece tale struttura di valore non ne ha alcuno, non potremo far altro che vederla per quello che è e il nostro modo di interpretare la realtà sarà diverso e anche le nostre azioni.

TESTO DI GIANPAOLO MARCUCCI

Per rimanere sempre informato sulle Lezioni di Marco Canestrari iscriviti al nostro
L'articolo ti è piaciuto? dagli visibilità Cliccando su OK!!