giovedì 12 marzo 2015

Non Dargli Alcun Nome

DI MARCO CANESTRARI


Dare un nome all’intero
È la nascita del sogno di paura.

Dare un nome all’intero
Significa credere che esso sia una cosa.

Dargli un nome significa avere una sua immagine,
equipararlo ad un simbolo o ad un concetto.

Dargli un nome significa credere di non esserne parte
e tentare di fuggire.

Dare un nome alle emozioni significa
cercare di evitarle, di chiudersi ad esse.

Dare un nome alle cose significa credere che moriranno,
che il male esiste.
Dare il nome ad una singola cosa significa dare un nome al tutto,
dare un nome a te e decidere di essere mortale.

Cosa è l’emozione piacevole e l’emozione spiacevole
senza dargli nessun nome?
Cosa è il bene ed il male, il giusto e lo sbagliato,
senza dargli nessun concetto?
Cosa significa confrontare, valutare e giudicare
senza avere nessun simbolo o contenuto in mente?

La sofferenza, la paura, la vita, la morte, il corpo, la materia, la mente, il cuore, l’anima
…e tutte le leggi che noi crediamo che governino questo mondo
Cosa sono senza dargli un nome?

Nessun nome rappresenta niente che esista,
Nessun concetto rappresenta nulla di reale,
perché la realtà non ha parti diverse
e non può essere afferrata tramite la mente.

La realtà ha un unico significato
ed io non gli do alcun nome.