domenica 31 maggio 2015

Tu sei già Perfetto

DI MARCO CANESTRARI


Come si può raggiungere uno stato in cui non siamo influenzati dai pensieri e invece li stiamo creando e volendo liberamente? 

Non c'è nessuno stato diverso da raggiungere rispetto a quello in cui già siamo. Adesso non siete influenzati dai pensieri e non sarà mai altrimenti, è la verità. Quindi non dovreste tentare di cambiare il vostro stato, la vostra posizione per raggiungere uno stato differente. Non dovreste tentare di cambiare voi stessi per essere diversi, invece è meglio capire quello che vi dico. Capire è cambiare, comprendere è il cambiamento. Io dico che è così, voi dite: "non è come dice Marco, è in un altro modo". Siamo ad un punto di partenza diverso, io dico la verità e voi vi sbagliate. Siamo intelligenti, abbiamo la capacità di comprendere, possiamo scoprire la verità, capire ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, quello che esiste e quello che è solo una fantasia, qualcosa che abbiamo sentito in passato che la società ci dice che è così. Vogliamo scoprirlo e dobbiamo iniziare guardando gli strumenti che abbiamo a disposizione per indagare e dire “questo strumento non è utile, questo è rotto, questo strumento non mi dice nulla su quello che voglio sapere. Se vogliamo scoprire chi ha ragione e chi si sbaglia, cosa è corretto, qual è la verità, se siamo influenzati dal pensiero o se siamo noi ad influenzarlo, la prima cosa da fare è essere informati e comprendere quali sono gli strumenti che abbiamo per avere l'intuizione, per fare questa ricerca.

Il solo strumento che usate per raggiungere le vostre conclusioni è chiamato mente, io faccio una dichiarazione e affermo che la mente ha fallito completamente nel raggiungere qualsiasi tipo di conclusione corretta, lo si può vedere facilmente, può essere dimostrato e lo sarà. In futuro questa comprensione sarà comune, semplice, ovvia. Smettete di usare la mente e potrete guadagnare migliaia di anni di evoluzione. La mente inizia in maniera non corretta. Il principio, l'inizio, la radice della mente è sbagliato. Non state facendo un errore che dovete correggere, è proprio l'inizio della mente l'errore. 

Avete una mente? No, è sbagliato. State usando la mente? No, è sbagliato. Credete che la mente esista? No, per niente.

Non posso parlare con voi perché è come parlare a qualcuno che sta guardando la TV e che dice: “io guardo questo schermo per sapere qual è la verità non parlo con te”. È come se voi mi dite: “scopriamo se fuori da qui c'è un lago o un albero” e poi mi rispondete: “OK, ma la televisione dice che non c'è, io affermo che non c'è” e io vi dico: “non guardate la televisione e non ascoltate la vostra mente”.

Controllate se la vostra mente dall'inizio dell'umanità ad ora ha fallito nel risolvere problemi fondamentali come la sofferenza, l'odio, la pace, l'amore. Ha fallito o no? Migliaia di anni di guerre, di conflitti, noi stiamo ancora facendo la guerra sul nostro pianeta. C'è qualcosa di sbagliato nel modo in cui pensiamo e staremo ancora facendo la guerra tra un milione di anni se non risolviamo questo problema.

Naturalmente, se io ho la sofferenza nella mia mente, porterò la sofferenza nell'intero pianeta, è ovvio. Se ho paura, gelosia, dolore e ansia in me, ci sarà un intero mondo pieno della somma di tutte queste piccole ansie e quello sarà il mio mondo. Si chiama guerra, conflitto. Che non è soltanto fra destra e sinistra o fra squadre di calcio diverse, ma è anche litigio in famiglia, tra amici. Il primo conflitto di tutti comincia proprio dentro di noi. Stiamo soffrendo nel profondo, siamo conflittuali e se non risolviamo questo, che è la punta della piramide, non possiamo risolvere nulla, perché tutto è il prodotto di questa sofferenza. Se c'è sofferenza dentro ad ogni singolo uomo, avremo un mondo pieno di sofferenza e guerra. Se in ogni uomo c'è invece la pace, avremo un mondo pieno di pace e amore, è così semplice.

Non sto dicendo che dovete cambiare io dico: “guardate quello che già siete. Non è vero che i pensieri vi influenzano”

So esattamente quello che dite, e ciò che state guardando e pensando quando dite “I pensieri mi influenzano” Voi dite: “Sto PENSANDO a quello che ho detto, sentito, fatto, a quello che è accaduto e quindi dico che i pensieri mi influenzano”. Voi state pensando a qualcosa, non osservate un fatto, state guardando la televisione. Per favore non pensate al nulla, parliamo dei fatti. Io vi parlo e dato che voi state pensando cosa guardate? le nuvole… "sto pensando che è giusto, sto pensando..."

Siamo qui! Dobbiamo scoprire insieme i fatti, non dovete pensare se qui c'è o non c'è una bottiglia, non dovete pensarci e voi state pensando ora. Dunque non ci sono altri passi da fare partendo da qui. Non vi dirò mai: “fai quello, pensa quell'altro, questa è la soluzione”. Cominceremo a parlare il giorno che voi smetterete di pensare.

Vorreste parlare con qualcuno che guarda uno schermo? Qualcuno che dice: "questa è la mia esperienza, questo l'ho letto su un libro, è quello che tutti gli uomini pensano". "Questo è quello che penso, quello che credo, quello che dice la società, quello che vuole la mia famiglia, e mentre sto guardando questo, parlo con te".

Siete liberi di guardare, se volete, con gli occhi della mente o no. Non di scegliere tra guardare con la mente o con qualche alternativa che vi sto offrendo. Le alternative esistono solo fra due pensieri, non ho mai detto che ci sono diverse possibilità opposte. Ascoltate attentamente. Se il vostro dubbio è: "come posso raggiungere questo risultato?" io vi dico "no, non potete". Non ho mai detto che ci sono due cose tra cui scegliere. Non ho mai detto che potete scegliere, non dovete scegliere nulla perché voi siete già perfetti. Potete solo risvegliarvi, se volete, in quella che è la realtà o pensare a quello che volete e voi state pensando ora. Pillola rossa o pillola blu? Una pillola è la verità, l'altra è pensare a quello che volete, non importa a cosa. Potete svegliarvi domani e credere a quello che volete, è importante quello che volete, non il credere che vivete in Matrix o alla verità, ma quello che volete. Una è la verità, una è quello che vi piace sognare. Il sogno non cambia la realtà. Non dovete cambiare voi stessi dovete avere la consapevolezza che non dovete cambiare voi stessi. Non vi rendete conto che tutte le domande partono da pensieri come 'devo cambiare me stesso, devo cambiare il mondo dalla guerra alla pace' e lo fate con la mente, ma non sta accadendo. Questo è il punto di partenza che è sbagliato, non dovete cambiare niente dentro o fuori, niente può essere cambiato e voi non potete scegliere. La Verità è perfetta. Tutti i pensieri che fate "Devo cambiare, posso cambiare, posso scegliere" vi dicono che la verità non è perfetta e che quindi dovete cambiare. "Ah credo che nella realtà ci sia qualcosa di sbagliato"..."magari c'è qualcosa di sbagliato perché io mi sbaglio"..."forse mi devo svegliare, perché sto dormendo e dormire è sbagliato"..."forse c'è una ragione per cui credo che il mondo è sbagliato e che c'è la guerra e quindi devo cambiare...devo cambiare... "

Non dovete cambiare nulla, è già tutto perfetto, partite dal giusto punto di partenza, l'inizio è perfetto. Non è per niente un errore, quello che credete di stare facendo è una lotta reale, non vi state dicendo davvero "forse ho sbagliato ... forse..." lo dite a parole ma non è così. Qualsiasi siano le parole che vi dite, volete partire dal fatto che la verità non è perfetta, affermandolo con partecipazione, con forza. Non volete parlare di questo punto iniziale, e risolverlo come fosse un errore se partite da pensieri come "che posso fare? che posso dire? "

Non state parlando con me, perché sostenete già che la verità non sia perfetta e non vi importa del resto. Non voglio distogliere la vostra attenzione dal posto in cui vuole stare, in cui sostenete una base falsa. La verità è perfetta, se volete potete vederlo, parliamone, dimostriamolo, riveliamolo, insegniamolo, chiamiamo il mondo intero a vederlo. Io voglio questo, a me piace vederlo. Guardare la verità non è guardare il vostro pensiero sulla verità, è così ovvio, come può essere più semplice di così. Voi mi portate un piatto pieno di pensieri e a me non piace il pensiero, non mi piace la discussione, le parole. Io voglio essere amato, state perdendo di vista l'obiettivo, io sto aspettando l'amore, aspetterò anche un migliaio di anni, io sono qui e mi amerete, non fallirete, non è tra le vostre possibilità quella di mancare di amarmi. Potrà solo richiedervi tempo e non importa, non state facendo male a nessuno, non siete sbagliati o colpevoli, perché la verità è perfetta. Potete solo sognare che è imperfetta, ma nessuno sarà ferito.


RIPRESE E MONTAGGIO DI FAUNO LAMI