venerdì 18 novembre 2016

Sii grato

DI MARCO CANESTRARI


Ora sono in profondità e ho una visione chiara, il pensiero non ha posto dove sono ora, ci sono solo fatti, è un luogo sicuro, tranquillo, non manca nulla qui e non ho nessun bisogno, nemmeno piccolo. Potrei morire ora senza che mi manchi nulla, senza perdere nulla, io sono pronto a morire ora. Questo è lo stato che voi dovreste raggiungere, se volete, spero prima della morte del corpo, e poi affrontarla serenamente. Non devo nulla a nessuno, e nessuno deve nulla a me, non ci sono sospesi né rancori, non mi aspetto nulla da te, né dal futuro, perché sono già completo e pieno così come sono ora. Ho sistemato tutto al posto giusto, ho fatto tutto ciò che c’era da fare, ho concluso la mia missione. Per me ora niente è di più del presente, non posso immaginare nulla di migliore rispetto a quello che c’è ora, da adesso in poi tutto è in sovrappiù, un lusso, è un dono e questo dovrebbe essere lo stato normale nella vita, dove tutto è un regalo.

Mi sento fortunato, non per lo stato che pensi che io abbia raggiunto e tu no, ma per le cose che ho e queste cose sono le stesse che hai anche tu, io sono fortunato perché sono vivo, è la cosa più grandiosa che ho mai conosciuto: l’essere vivo! Ti lascia senza parole, sono fortunato di essere vivo in ogni secondo che sta passando, cosa posso avere più di questo? La grandezza e la meraviglia di questa creazione, tutta la bellezza che c’è in questa esistenza. Sono immensamente grato e riconoscente e l’unico modo di essere grato è quello di essere pieno di gioia. Il modo in cui dico “grazie Dio” è con il mio stato d’animo di beatitudine, l’essere colmo di felicità è qualcosa che si riconosce con molta chiarezza, se mi sento bene Dio lo vede molto chiaramente. Se siete felici, Dio è felice, se siete infelici Dio attenderà che voi siate felici, siete sempre visti, non potete mai nascondervi a Dio né a voi stessi.

Non avendo pensieri ora non ho una particolare idea di come il mondo debba essere, mi piace così com’è nel presente. Non trovo nessuna colpa, nessuna imperfezione, né dentro né fuori, quindi il regno interiore e quello esteriore non hanno più pareti che li dividono, nessuna barriera. Sono pieno d’amore. Non c'è nessun “piccolo me” adesso, nel presente, non c’è nessun “piccolo te”, non ci sono cose così piccole, il presente è fatto di grandezza. Sono vivo e vedo quanto i pensieri sono privi di significato, quanto tempo passiamo a fare discussioni e dibattiti, ad argomentare. Non cogliamo il punto della questione, la discussione va bene quando è fatta nel regno dell’amore, la discussione non ha senso quando parte dal mio “piccolo ego” o dal tuo “piccolo ego”. Sono interamente e assolutamente qui adesso, nessuna parte di me è nel regno dell’illusione, tutto è illuminato, nessun dubbio, nessuna oscurità, nessuna confusione, il mio cuore è chiaro e quindi tutto il mondo è chiaro, la luce si è accesa nel profondo del mio cuore e ha rischiarato tutto quello che guardo, tutto quello che ascolto, tutto quello che comprendo, tutto il mio mondo è pieno di luce, il tuo pianto è pieno di luce, il tuo respiro è pieno di luce.

Perché sono qui? Questa cosa così grande perché sta accadendo? La mia presenza qui, ora, ha uno scopo? Perché sono qui su questa sedia, in questo mondo, ora? Riesci a fare questa domanda a te stesso? Perché voglio dire grazie, ecco perché sono qui, voglio mostrarti che è possibile essere grati, come farlo, perché farlo. Voglio mostrarti che c’è una ragione importante per dire grazie, che hai il diritto di essere riconoscente, e che hai soprattutto l’opportunità e l’onore di essere grato. Voglio essere il primo a ringraziare e spero che mi seguirai. La vita è meravigliosa, dobbiamo insegnare a tutti quanto è bella in modo che il mondo non lo dimentichi, è una scoperta meravigliosa, non è qualcosa che già sappiamo, non è scritta nei libri, non è nella mente, è un completo osservare, scoprire e stupirsi. Essere vivi non è mai stato nella nostra esperienza, non abbiamo mai sperimentato l’esistenza, abbiamo solo percepito idee, che equivale a sognare. La vita è una cosa straordinariamente nuova perché noi siamo sempre liberi. Non so cosa c’è oltre quella finestra, oltre quella collina, non lo so ed è meraviglioso essere senza sapere perché è l'unica eterna sicurezza. Per sentirmi al sicuro non mi serve sapere che cosa c'è oltre il muro, come è il futuro e cosa accadrà domani, perché io vivo ora, nel presente tutto è felice e io porto la gioia dell’adesso con me ovunque vada.

Se sono davvero, interamente felice e vedo la prova concreta della mia gioia, allora c’è solo beatitudine estesa, senza un qualcuno che la provi, non c’è nessuno felice o infelice perché un fatto reale non ha bisogno di un osservatore che lo riconosca o che gli dia un nome. L’amore, la vita e la felicità non sono una proprietà del mio “piccolo ego” né sono qualcosa in relazione al me o al te. Io sono davvero vivo e riempito d’amore senza spazi vuoti né angoli da illuminare, quindi senza un me. Tutta l’oscurità e la confusione che erano dentro me e te, sono riempite dalla stessa sostanza chiamata vita che circonda ogni cosa.

Io non vi chiedo di risvegliarvi, vi amo come siete, sia quando state sognando sa quando siete svegli. Vedendo chiaramente, il dormire nell’illusione di maya o l’essere sveglio nell’illuminazione è una differenza insignificante perché, se siete comunque amati, non c’è colpa da espiare, né mancanza da colmare, né danno da riparare. Voi pensate che per essere amati avete bisogno dell’illuminazione invece non è così: tutto è sacro già così, già ora, non ci sono cose sporche, non ci sono macchie da pulire sul tappeto e se volete dormire, potete farlo in completa serenità. Che cosa significa sacro, santo, benedetto? Significa che tutto è sicuro e protetto tra le braccia di qualcosa superiore a noi, quindi rilassatevi, siamo al sicuro, non stiamo andando male verso l’inferno o l’apocalisse, non finiremo nelle fauci del leone e il mondo non sta andando verso l’autodistruzione. Ogni cosa è protetta e al sicuro, perché il mondo reale è sicuro e voi potete continuare a dormire tranquillamente, è concesso, ed è un vostro diritto.

Questo è il messaggio chiamato illuminazione: “Vi è consentito dormire, non vi siete macchiati di indegnità o impurità e soprattutto non siete colpevoli, ogni cosa che state facendo è permessa e potete farla nell’innocenza. Allora cominciamo oggi a essere così come siamo ora, senza cercare di cambiarci, accettiamoci perché siamo perfetti e santi. Quelle che sto dicendo sono le vostre parole, non c’è un me, io sono un promemoria, un evocatore, sono qui per mostrarvi e farvi ricordare chi siete, e poi farvi rifare una scelta. La mia voce vi raggiunge nel sogno portando la verità, ascoltatela e poi verificate e controllate se ho ragione o torto. Qualcosa da fuori del vostro sogno vi sta chiamando con la mia bocca, ma non osservate i corpi, perché fanno parte del sogno e se guardate lì non capirete mai, cercate nel vostro cuore!”.

Il corpo finisce con la morte ma il messaggio che porto rimarrà per sempre. Non vi sto proponendo quello che penso o quello in cui credo, non sto affermando cosa mi piace o cosa mi conviene, né cosa è giusto o auspicabile, non porto una mia opinione, io sto affermando la verità. La verità è l’unico messaggio che guarisce, all’inizio potreste essere spaventati dalla sua chiarezza, ma è una difesa temporanea, poi vedrete tutte le opportunità che la consapevolezza vi porta e che il vedere, ascoltare, risvegliarsi vi concede. Vedrete tutte le porte che si apriranno, tutti i muri che spariranno, tutto lo spazio che si creerà e voi sarete padroni di tutto questo spazio, voi sarete l’inizio di questo spazio. Per favore, riconoscetelo e gioite.

Non tentate mai di far sentire colpevole un’altra persona, ricordatevelo, perché questa vostra intenzione vi porterà dolore e confermerà il vostro incubo di colpa, per favore bambino mio smetti di fare incubi, tutto è sicuro e mi auguro che questo tuo incubo finisca presto. Quando vi sveglierete, affermerete anche voi che la colpa è impossibile, perché non ci sono estranei né nemici qui nella realtà, perché l’unica sostanza è l’amore e la materia con cui sono fatte le case e gli alberi è soltanto un suo effetto: oggetti, materia, corpi sono solo un effetto dell’amore. Tu per mezzo dei movimenti del corpo non potrai mai fare qualcosa di colpevole, non sei mai stato un peccatore e mai lo sarai, questa è la verità, guardiamola e poi mostriamo al mondo come stanno le cose. Per favore non imbruttite con delle mancanze d’amore quello che è già vostro, per favore abbiate cura di quello che possedete, perché voi siete i re, voi avete tutto, allora vi prego, non cercate di fare sentire colpevole nessuno, perché il nemico che state accusando è vostro fratello e ha il vostro volto. Se per rabbia spaccate un bicchiere, quello è il vostro bicchiere, se rompete una sedia è la vostra sedia, se tagliate un albero è il vostro albero, se indebolite il pianeta è il vostro pianeta, se bombardate un paese è il vostro paese, se gridate contro vostra moglie state gridando a voi stessi. Abbiate cura di voi stessi perché noi vi amiamo.




PROSSIMI APPUNTAMENTI